MISITI AL MINISTRO FAZIO: ACCORDI TRA FACOLTA’ DI MEDICINA E IRCCS PER RIDURRE LA SPESA SANITARIA

Il testo dell’interrogazione al Ministro della Salute

Resoconto setenografico dell’interrogazione

L’on. Aurelio Misiti, portavoce nazionale del Movimento per le Autonomie, ha chiesto al Ministro della Salute di individuare, d’intesa con il Ministro dell’Università e della Ricerca, una forma di cooperazione tra le Università di medicina presenti sul territorio nazionale e gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS).

Si potrebbe così creare, secondo l’on. Misiti, un circuito virtuoso tale da garantire agli studenti e agli specializzandi in medicina e chirurgia l’uso di strutture all’avanguardia, consentendo loro sbocchi professionali più ampi.

La riorganizzazione degli IRCCS a più alto profilo scientifico dovrebbe inoltre essere prevista immaginando una loro migliore distribuzione sul territorio nazionale e possibilmente nelle vicinanze delle facoltà di medicina e chirurgia. Infatti di 38 istituti presenti in Italia ben 17 sono in Lombardia.

Ciò consentirebbe anche – ha aggiunto Misiti – una notevole riduzione della spesa sanitaria e un progresso effettivo nei risultati della ricerca scientifica applicata alla medicina e alla stessa chirurgia.

Non è tollerabile infatti che nel nostro Paese, per la ricerca scientifica di base che è la missione delle università, si finanzino spesso in modo cospicuo gli IRCCS con i fondi della sanità lasciando invece le facoltà universitarie di medicina in condizioni di ristrettezze economiche analoghe a quelle del resto degli atenei.

Con la proposta di MPA illustrata oggi in Aula dall’on. Misiti si otterrebbero benefici consistenti nella preparazione dei giovani medici e soprattutto risparmi notevoli con la riorganizzazione degli stessi istituti.

Il ministro Fazio, pur ritenendo non fattibile attualmente la riduzione delle strutture, ha comunque condiviso la proposta, assumendo l’impegno di esaminarne il contenuto al tavolo tecnico in essere tra il Ministero della Salute e quello dell’Università.



Commenti e Pings non sono al momento consentiti.